Biorivitalizzazione - Dr. M.T. Rota
face-lift.jpg
 
BIORIVITALIZZAZIONE: 

La BioRivitalizzazione è un trattamento oggi ancora più efficace per compattare la pelle e illuminare il viso e ridurre le rughe sottili  agendo  sulle cause dell'invecchiamento cutaneo.

L’INVECCHIAMENTO CUTANEO
 
L’invecchiamento cutaneo cronologico è il risultato del trascorrere del tempo ed è legato a fattori genetici. A livello dermico si osserva una generale atrofia. La cellularità è ridotta cosi come la vascolarizzazione.
 La capacità riproduttiva e biosintetica dei fibroblasti nel derma dipende dall’ambiente in cui si trovano. La ridotta quantità di acido ialuronico determina una diminuzione della capacità riproduttiva delle cellule e una conseguente riduzione della loro attività.
 L’invecchiamento cutaneo fotoindotto (photo-aging) è dovuto alle eccessive esposizioni solari e alla conseguente formazione di radicali liberi, molecole scavenger, tossiche per le nostre cellule.
 La cute si presenta dura, ispessita, assume un colorito spento, giallognolo, con macchie e teleangectasie, con cheratosi senili, fino all’eventualità di lesioni pre-tumorali.
 I danni ossidativi riducono la capacità metabolica delle cellule minando la loro integrità vitale.
 
COME SI PROCEDE CON IL BIO-LIFTING
 
E' un programma di trattamenti che agiscono in modo specifico o integrato per la rivitalizzazione e stimolazione del derma e dell' epidermide per una migliore
 
 
 
-Compattezza
 
-Elasticità
 
-Luminosità
 
-Turgore
 
-Diminuzione e prevenzione delle rughe
 
Mediante microiniezioni assolutamente non dolorose si eseguono:
 
 
Trattamenti di Rivitalizzazione con acido ialuronico libero non reticolato
 
Trattamenti di Rivitalizzazione de-tox con complesso polivitaminico basato su 5 gruppi di ingredienti attivi: vitamine, aminoacidi, minerali, coenzimi antiossidanti, acidi nucleici vegetali.
 
Trattamenti di Stimolazione: peeling antiaging, antiossidante, antipigmentante.
 
Trattamenti di Stimolazione:maschera antiaging, idratante, nutriente, antiossidante
 
BIO-RIVITALIZZAZIONE CON Ac. Ialuronico
 
L’acido ialuronico naturale svolge importanti azioni biologiche per prevenire e contrastare l’invecchiamento cutaneo.
 
L’acido ialuronico favorisce la proliferazione e la migrazione dei fibroblasti, idratando a fondo la pelle. E’ responsabile della compattezza dei tessuti, in quanto è un elemento estremamente importante nell’organizzazione tridimensionale dei componenti della matrice extracellulare. L’acido ialuronico si presenta come una sostanza capace di legare intorno a sé enormi quantità di acqua. Questa caratteristica consente di mantenere l’adeguata e naturale idratazione della pelle e conseguentemente il turgore ben visibile in età giovanile.
 
L’apporto esogeno di specifici ingredienti de-tox come vitamine ( A, C, E, D, B, K), aminoacidi (lisina prolina,glutamina, etc), sali minerali (potassio, sodio, calcio, magnesio, selenio, rame), coenzimi (Q10, glutatione, NADH) e acidi nucleici (RNA e DNA) contrasta efficacemente il danno ossidativo. 

L’acido ialuronico consente di ricreare l’ambiente fisiologico ideale, cioè di ristabilire e mantenere nel tempo le condizioni che si hanno quando si è giovani, per una funzionalità cellulare ottimale.
 
La sua azione è prolungata nel tempo (long acting) in quanto, grazie ad una concentrazione pari a 40-70 volte quella dell’acido ialuronico endogeno, permane a lungo nei tessuti; infatti, dopo una sua distribuzione omogenea e graduale, segue una lenta diluizione che lo riporta alle concentrazioni fisiologiche e al conseguente processo naturale di catabolizzazione.
 
Grazie al suo peso molecolare, che lo rende biointerattivo, e al suo tempo di permanenza nei tessuti, l’acido ialuronico consente di ricreare le condizioni fisiologiche ideali per un effettivo ringiovanimento cutaneo.
 
LA TECNICA CROSS-LINKED
 
Questa tecnica viene utilizzata per ridare tono e turgore alle guance e consiste nell ’infiltrare acido ialuronico a livello del derma inserendo l’ago, il più parallelamente possibile alla superficie cutanea, prima in direzione orizzontale e poi verticale, in modo tale che le varie infiltrazioni si intersechino fra di loro creando una sorta di rete.
Mantenendo una distanza inferiore al centimetro è possibile utilizzare la tecnica Cross-Linked anche in aree meno estese. Ad esempio si potrà trattare l’area della sottocommissura labiale al fine di contrastare il cedimento di questo distretto.
 
LA TECNICA LINEARE O A MICROPONFI
 
L’acido ialuronico, grazie alla sua capacità di distribuirsi omogeneamente, si è rivelato particolarmente indicato anche per il trattamento del collo.
 
Con tecnica lineare, o a microponfi in serie, si può ottenere una buona correzione degli in estetismi. Per aumentare l’effetto rivitalizzante, è possibile effettuare ulteriori innesti lineari, paralleli ai precedenti, o microponfi sparsi.
 Spesso anche in soggetti giovani, è possibile che la mancanza di tono cutaneo si traduca, soprattutto durante la mimica, nell’ increspatura della pelle o nella comparsa di rughe sottili. L’acido ialuronico permette di migliorare significatamene un tessuto ormai poco elastico e fragile. Nel caso del distretto perioculare è possibile, quindi, evidenziare e correggere, sempre con tecnica lineare e superficiale, le singole linee. Infine, per aumentare l’effetto estetico e biorivitalizzante, si incroceranno questi innesti con ulteriori infiltrazioni lineari fino a raggiungere l’area zigomatica.
 
I PROGRAMMI DI TRATTAMENTO
 
A seconda delle condizioni iniziali della pelle del paziente e della risposta ai primi impianti, sar à possibile definire dei programmi di trattamento personalizzati.
 In linea di massima verranno programmati 4 trattamenti iniziali a breve distanza uno dall’ altro (una settimana), per poi far seguire delle sedute di mantenimento a distanza di circa due/tre mesi.
 Seguendo questi programmi di trattamento il paziente potrà apprezzare, oltre ad una distensione naturale della cute, anche un maggior grado di compattezza, turgore ed elasticità della pelle, caratteristiche peculiari di un tessuto "giovane".
 
PROGRAMMA FAST REPAIR
 
Esistono condizioni specifiche in cui l’utilizzo di acido ialuronico consente di ottenere un efficacia immediata, in quanto si sfruttano caratteristiche quali la notevole capacità idratante e l’attività scavenger dei radicali liberi.
Ad esempio, si possono proporre uno o due trattamenti consecutivi, alla distanza di circa due settimane l’uno dall’altro, prima o dopo esposizioni solari prolungate o dopo peeling particolarmente aggressivi che tendono a disidratare la pelle.
Nel primo caso, oltre a ripristinare il grado ottimale di idratazione cutanea l’acido ialuronico, grazie alla sua azione di free radical scavenger, riduce lo stress ossidativi provocato dalle radiazioni solari.




PROFHILO® ( Ibsa Pharma)
E un nuovo acido ialuronico che grazie ad una tecnologia produttiva brevettata rende possibile la creazione complessi ibridi stabili di acido ialuronico ad alto e basso peso molecolare .
Questa tecnologia consente di ottenere concentrazioni di acido ialuronico molto  elevate (64 mg di acido ialuronico in 2 ml ).
Inoltre ,pur non avendo sostanze reticolanti al suo interno ( sostanze che rallentano la degradazione dei  filler iniettabili ) Profhilo al contrario  ha una resistenza alla ialuronidasi molto alta a tutto vantaggio di una lunga durata e quindi maggiore “performance “.
Profhilo ha una duplice azione a) Biostimolante ( la frazione a basso peso molecolare, più fluida stimola i fibroblasti a produrre maggiore quantità di sostanze fondamentali quale collagene ed elastina)
b) ed un effetto liftante e tensore ( legato alla frazione ad alto peso molecolare ) che “rimpolpa “ il viso e contrasta il cedimento cutaneo specialmente della parte inferiore del viso.
Profhilo NON  è un filler riempitivo ma il suo fine è quello di idratare,nutrire dando luminosità e compattezza . In sintesi ridensifica con un piacevole effetto tensore e di sollevamento senza gli  eccessi di volume tipici di filler Cross linkati.
Viene inietttato con una tecnica specifica  (BAP) : Solo 5 punti specifici per emiviso con assenza praticamente di lividi e complicanze tipiche legate alle iniezioni
 

 
 
VITAL ( Galderma- Gamma Restylane)
 
Un nuovo trattamento è a base di Restylane Vital, un nuovo acido ialuronico NASHA che, secondo i dati raccolti dal gruppo che l’ha sviluppato, aiuta a compensare la sua perdita. I prodotti della famiglia NASHA (acido ialuronico non animale stabilizzato), di produzione svedese, sono ottenuti per biosintesi e sono stabilizzati. 
 
La tecnologia di stabilizzazione permette di ottenere una rete molecolare tridimensionale in grado di prolungare il tempo di permanenza dell’acido ialuronico nei tessuti, integrandosi naturalmente e senza comprometterne la caratteristica di biocompatibilità.
 
Un’altra sua caratteristica importante è la degradazione isovolemica, cioè la capacità di mantenere il volume iniziale anche durante la fase di degradazione. Questo significa che via via che la concentrazione di acido ialuronico diminuisce, aumenta proporzionalmente la quantità d’ acqua che ogni molecola è in grado di "richiamare" nel derma, mantenendo così a lungo la sua durata. Restylane Vital è una soluzione viscosa con alta concentrazione di acido ialuronico (20mg/ml), con effetto slow-release.
 
Ciò che rende possibile la nuova metodica dermo-iniettiva Hydro Reserve che, come abbiamo detto all’inizio, non si identifica con il filling riempitivo-correttivo e nemmeno con la classica biostimolazione cutanea. Importante è conoscere bene la modalità di impianto, che prevede una tecnica di inoculazione lineare corta e come livello di iniezione il derma medio profondo. Il gel deve essere iniettato a microgocce in fase di estrazione dell’ago, tangenzialmente al piano cutaneo, profondamente nel derma, nelle zone colpite da aging.
 
Viso, labbra, collo, decolletè, piega intermammaria, mani e pieghe a braccialetto dei polsi sono le sedi indicate per questa nuova metodica, che funziona molto bene anche per le guance colpite da elastosi solare, i cedimenti del contorno del viso, e in tutti quegli stati di forte disidratazione della cute come dopo un’ intensa esposizione al sole o dopo peeling o laser. Il protocollo di utilizzo prevede uno short program con una seduta ogni quattro settimane per TRE-QUATTRO volte, ripetibile due volte all’anno. I risultati migliorano nel giro di 4/5 giorni e sono visibili già dal paziente. Gli effetti collaterali temporanei sono sovrapponibili a qualsiasi altro trattamento iniettivo (eritema, dolenzia, ecchimosi).
 
In conclusione: sfruttando le caratteristiche del gel NASHA, con questo nuovo trattamento si permette di creare nel derma una vera riserva di acido ialuronico che, grazie alla sua lenta e graduale cessione, procura un’idratazione profonda e di lunga durata. Un’arma in più, a nostra disposizione, per contrastare i segni cutanei di aging e fotoaging, mirata ad aumentare l’idratazione cutanea e a fornire un sostegno dermico immediato.
 
PROGRAMMA COLLO E DECOLLETE’
 
Spesso dimenticati durante i trattamenti dermoestetici, il collo e il decollet è dovrebbero essere considerati come le altre parti del corpo. Infatti la loro struttura cutanea e la loro posizione anatomica, li predispongono ad un invecchiamento più precoce e più significativo del resto del corpo.
 
Spesso accelerato dall’esposizione al sole, il loro invecchiamento cutaneo è caratterizzato soprattutto da rughe orizzontali, intermammarie, perdita di tonicità ed elesticità, lesioni pigmentarie e vascolari.
 
Si utilizza una tecnica di introduzione diretta nel derma di sostanze rivitalizzanti attraverso diverse piccole iniezioni intradermiche superficiali microdosate.
 
PROGRAMMA MANI
 
Anche la cute delle mani, essendo molto sottile e sempre esposta ai raggi del sole, invecchia precocemente.
 
Numerosi sono i trattamenti laser (per eliminare le macchie) e di idratazione profonda nonchè di vera dermoristrutturazione,specie in caso di "svuotamento " e lassità legata all'invecchiamento, In questi casi all'acido ialuronico è sono preferibili molecole quali l'idrossiapatite ( Radiesse, Merz Pharma)
 
 
RISULTATI OTTIMALI
 
I risultati sono notevoli , clinicamente molto soddisfacenti, con visibile miglioramento dell’idratazione cutanea, del tono, turgore, luminosità della pelle. Sono consigliabili cicli di mantenimento due volte all’anno.
 
Come tutti sanno, l’acido ialuronico è il principale componente dei GAG, glucosaminoglicani, che costituiscono la matrice fondamentale del derma. Grazie al suo elevato peso molecolare ha una grandissima capacità di trattenere acqua (sino a 500 volte il suo peso), svolgendo anche un’importante azione antiossidante.
Con l’evoluzione dei processi di aging e fotoaging, la produzione di acido ialuronico si riduce progressivamente. Ciò provoca una diminuzione della capacità cementante e idratante della componente amorfa del derma, e favorisce, insieme ad altri eventi, la comparsa di cedimenti cutanei, pieghe, rughe e la perdita di idratazione profonda.
 
La cute risulterà più luminosa, morbida e,levigata al tatto con un miglioramento sensibile delle forme del viso. I risultati sono immediati.
 Poichè le cause dell’invecchiamento cutaneo dovute a sole e azione del tempo non possono essere fermate, è importante comprendere che non è sufficiente un singolo trattamento per mantenere la pelle sana e bella nel tempo.

Biorigenerazione con Plasma ricco di Piastrine
 
Questa moderna tecnica  sfrutta le grandi potenzialità rigenerative presenti nel sangue. In particolar modo le piastrine mediante i loro fattori di crescita intrinseci  stimolano la rigenerazione tissutale e neo-angiogenesi, responsabile del corretto apporto di ossigeno ai tessuti . Il PRP ( Plasma ricco di piastrine ) viene usato da molti anni in molte branche mediche ( Ortopedia, Cardiochirurgia,oftalmologia rigenerazione in Implantologia dentale).
 
Il plasma arricchito di piastrine si ottiene attraverso la centrifugazione del sangue prelevato dallo stesso individuo da sottoporre al trattamento (PRP AUTOLOGO). Tale procedimento è finalizzato alla separazione delle piastrine dalle altre cellule del sangue con conseguente formazione di un gel con altissima concentrazione di  piastrine . Una volta iniettate le piastrine attivate rilasciano vari fattori di crescita che stimolano ed accelerano i processi di guarigione e rigenerazione dei tessuti.
Il risultato che si ottiene è connesso alla rinnovata vitalità cutanea; parametri come elasticità, compattezza e luminosità portano con se quindi oltre ad una pelle sana dal punto di vista biologico anche risultati estetici senza alcun rischio di intolleranza o forme allergiche come talvolta può accadere con prodotti di sintesi.
Il PRP autologo trova impiego a livello del volto, rughe periorali, decolletè, faccia interna cosce e braccia, e risultai sorprendenti si hanno in alcune forme di calvizie.